05 novembre 2021

Disabilità, al via la formazione per gli operatori del programma “PASS”

Immagine: foto di un particolare di persona in carrozzina

Prende il via il percorso formativo del programma della Regione Toscana “PASS” (Percorsi assistenziali per soggetti con bisogni speciali) rivolto ad oltre cento tra medici e personale sanitario dei 12 ospedali della Toscana che ad oggi fanno parte della rete PASS e di quelli che entreranno a breve.

“Il programma PASS - spiega l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini - rappresenta un innovativo percorso volto ad un obiettivo chiaro e concreto: garantire parità di accesso ai percorsi di salute per le persone con ogni tipo di disabilità. Un principio fondamentale che parte da lontano e si ispira alla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità, la quale, ricordo, richiede ‘misure adeguate a garantire alle persone con disabilità l’accesso a servizi e programmi sanitari della stessa qualità di quelli forniti alle altre persone’. Per tutti gli operatori sanitari che partecipano al corso rappresenta certamente un grande arricchimento dal punto di vista professionale e non solo. A loro auguro buon lavoro”.

Il percorso formativo si svolge da remoto e si articola in tre sessioni di lavoro: la parte teorica si alterna all’analisi e allo studio, anche in lavori di gruppo, su specifici casi clinici. I contenuti del piano formativo si concentrano, in prima istanza, sull’informazione/formazione dei professionisti che operano nell'ambito dei percorsi ambulatoriali, di ricovero e dell’emergenza-urgenza. Successivamente si passerà alla formazione relativa ad altri setting di cura, come percorsi di screening e di prevenzione primaria.

Il modello PASS
Il modello organizzativo e assistenziale previsto dal percorso PASS individua gli accorgimenti da adottare per i "bisogni speciali" della persona: dalle caratteristiche del comportamento alle capacità di comprensione, dalle difficoltà nella sfera sensoriale a quelle nella mobilità. Pone attenzione agli ambienti e agli arredi, e all'impiego di personale con adeguata formazione e con competenze specifiche. L'obiettivo di PASS è quello di favorire, alle persone con disabilità, un accesso equo ai servizi sanitari ospedalieri e fornire una risposta personalizzata nel rispetto dei propri specifici bisogni assistenziali e diagnostico terapeutici. Le figure dei facilitatori e le équipe dedicate multidisciplinari si prenderanno cura dei casi più complessi.
Per accedere al programma è necessario descrivere e registrare i propri bisogni speciali sulla piattaforma web dedicata in cui è possibile rendere disponibile l'informazione ai principali sistemi informativi sanitari.

Condividi