18 novembre 2020

Un codice per avere sempre con sé le informazioni sui verbali di invalidità

Immagine: foto del video di uno smartphone che mostra un QRcode

Tramite un recente Messaggio, l’INPS ha informato che, nell’àmbito dei servizi online offerti al cittadino, è stato implementato il nuovo sistema “QR Code dell’invalidità civile”, per tutti i verbali di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità. Tale codice può essere dunque utilizzato per attestare in tempo reale lo stato di invalidità e accedere alle agevolazioni previste dalla normativa vigente in materia di invalidità civile, oltre agli eventuali bonifici erogati da soggetti esercenti, garantendo inoltre informazioni sempre attendibili e aggiornate

Ben sanno, le persone con disabilità, quanto sia complesso (e ingombrante) portare con sé tutti i documenti che attestano la propria condizione di invalidità ogni volta che si chiede l’attivazione di un servizio o di un’agevolazione, il tutto con il rischio che manchi all’appello un documento o che non sia aggiornato.
Con il Messaggio n. 4019 del 30 ottobre scorso, l’INPS ha annunciato che, nell’àmbito dei servizi online offerti al cittadino, è stato implementato il nuovo sistema QR Code dell’invalidità civile, per tutti i verbali di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità.

Il QR Code – dall’inglese Quick Response, ovvero “risposta rapida” – è un particolare codice a matrice che alla vista si presenta come un quadrato composto al suo interno da pixel bianchi e neri. Inoltre, è in grado di memorizzare informazioni leggibili e interpretabili da dispositivi mobili (smartphone e tablet). Oggi viene utilizzato su molti prodotti, da quelli alimentari ai capi di abbigliamento, e permette di ottenere in pochissimo tempo e con grande facilità una grande quantità di informazioni.

Il QR Code dell’INPS può essere dunque utilizzato per attestare in tempo reale lo stato di invalidità e accedere alle agevolazioni previste dalla normativa vigente in materia di invalidità civile, oltre agli eventuali bonifici erogati da soggetti esercenti (sconti, esenzioni, accessi preferenziali, servizi di assistenza, sgravi fiscali ecc.). Esso, inoltre, garantisce informazioni sempre attendibili perché associato all’interessato e non a uno specifico verbale «ed è dinamicamente aggiornato allo stato del soggetto a seguito di verbali definitivi di prima istanza, di aggravamento, di revisione, di verifica straordinaria, di autotutela», come si legge nel messaggio dell’INPS.
Al momento sono escluse le condizioni di invalidità riconosciute a seguito di sentenza giudiziaria e i verbali emessi in data antecedente il 1° gennaio 2010.

Per ottenere il QR Code è sufficiente utilizzare l’apposito servizio online, disponibile nel sito dell’INPS (a questo link). Nella home page del servizio è disponibile una nota informativa che descrive le modalità e i criteri di fruizione del servizio stesso.
Il codice viene generato in tempo reale ed è immediatamente disponibile in formato .pdf per essere stampato, inviato o salvato sul proprio computer o dispositivo mobile. Esso va conservato a cura del cittadino, ma può essere recuperato, anche successivamente, accedendo all’apposita funzionalità di Consultazione, tramite la quale potrà essere effettuato il download del .pdf e l’invio tramite e-mail al proprio indirizzo di posta. Una volta stampato o salvato nel proprio smarphone/tablet, il codice potrà essere esibito in tutte le occasioni in cui si renda necessario, per accedere a una delle agevolazioni preiste dalla normativa.

Fonte: Superando.it

 

Condividi