ADA Adattamento Domestico Autonomia personale

Con Delibera della Giunta Regionale n. 865 del 6/9/2016 sono state approvate le Linee guida per l’organizzazione del progetto "Adattamento Domestico per l’Autonomia personale" (ADA) finalizzato al miglioramento delle condizioni di vita delle persone con disabilità grave nella propria abitazione.

Il progetto prevede la collaborazione tra professionisti esperti di accessibilità dell' Università, CNR o altri enti che si integrerà con le commissioni di valutazione multidisciplinare (UVM, UVH ecc.) presenti nelle 34 Società della Salute e/o zone distretto. La rete dei Laboratori Ausili per l’Apprendimento e la Comunicazione (LAAC) avrà un ruolo importante nella valutazione delle abilità e delle competenze personali e nell'addestramento all'utilizzo degli ausili e infine il CRA avrà un ruolo di supporto e coordinamento delle attività tecnico scientifico del progetto.

La partecipazione all’avviso pubblico dà ai partecipanti la possibilità di accedere a:

1. Consulenze tecniche: un documento redatto a seguito di un sopralluogo presso l’abitazione della persona con disabilità di personale sociosanitario ed esperti di accessibilità, che contiene l'insieme delle soluzioni progettuali volte a migliorare l’autonomia della persona disabile nella sua abitazione e a facilitare l’eventuale attività di chi presta assistenza.  

Le soluzioni proposte nella consulenza riguarderanno tre aree d’intervento:

  • opere edilizie
  • arredi e attrezzature
  • tecnologie assistive e tecnologie per l’accessibilità e l’automazione dell’ambiente

2. Eventuali contributi economici: il progetto prevede anche l’erogazione di un contributo economico (per partecipanti con I.S.E.E. riferito al nucleo familiare non superiore a 36.000,00 euro) finalizzato a sostenere la realizzazione degli interventi proposti nella consulenza o di una parte di essi. Il contributo economico è da intendersi come cofinanziamento al costo di realizzazione dei seguenti interventi:

  • opere edilizie;
  • acquisto e installazione di elementi d'arredo, attrezzature e ausili;
  • acquisto e installazione di strumentazioni, dispositivi e impianti tecnologici; installazione di sistemi domotici.

I contributi non potranno essere richiesti:

  • per interventi già finanziati o in corso di valutazione sulla base delle vigenti disposizioni regionali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • per ausili compresi nel "Nomenclatore tariffario" di cui al Decreto Ministeriale n. 332 del 27 agosto 1999 o comunque acquisibili attraverso valutazione specialistica del competente servizio del S.S.N.


Cosa fare per e Contatti
Per avere ulteriori informazioni sul bando o per conoscere le modalità di presentazione della domanda, è consigliabile rivolgersi presso la Società della Salute/Zona Distretto di residenza oppure contattare il CRA: tel. 055.438.2874, centro.documentazione@regione.toscana.it 

Scarica l'opuscolo informativo

I termini per la presentazione delle domande per il Bando ADA sono scaduti il 15 Marzo 2017.

 

"Ambienti di vita più autonomi. ADA incontra Niccolò, Michela e Jury."

 

Ultimo aggiornamento: 18.11.2020
Condividi