Assitenza protesica

L’erogazione delle prestazioni sanitarie di assistenza protesica è finalizzata ad un effettivo miglioramento delle abilità funzionali e relazionali delle persone con disabilità.

Protesi e ausili, che sono erogati totalmente a carico del servizio sanitario ai minori, alle persone con invalidità riconosciuta e alle persone con particolari necessità assistenziali, possono essere sia costruiti su misura, per rispondere a specifiche esigenze abilitative del singolo, sia costruiti in serie, per far fronte a bisogni assistenziali più o meno complessi.

Esiste un elenco, definito a livello nazionale, delle prestazioni protesiche che sono fruibili nell'ambito dei Livelli Essenziali di Assistenza (vedi DM 332/99 e DM 321/01).

Per accedere alle prestazioni di assistenza protesica è necessaria la prescrizione di un medico specialista pubblico, che individua la protesi necessaria confrontandosi con la persona e con l'equipe riabilitativa, quando necessario. L'Azienda USL di residenza del cittadino autorizza poi la fornitura del dispositivo protesico.

In casi particolari, per bisogni assistenziali non complessi, la Regione Toscana con la DGRT 1313/2015 prevede che il medico di famiglia possa effettuare direttamente la prescrizione dell'ausilio necessario.
Con esclusivo riferimento alle protesi costruite su misura, l'utente può scegliere autonomamente il soggetto, pubblico o privato, fornitore della prestazione.

Per le prestazioni sanitarie di assistenza protesica non è previsto il pagamento di ticket.
Le prestazioni protesiche sono inserite all'interno del processo riabilitativo, negli interventi in fase acuta o post acuta, oppure fanno parte del piano assistenziale, nei casi di gestione della cronicità.

I progetti riabilitativi individuali devono comunque contenere indicazioni specifiche relativamente ai dispositivi protesici ed agli ausili tecnologici necessari per il raggiungimento della migliore autonomia possibile e devono individuare gli obiettivi del loro utilizzo.
L'equipe riabilitativa o il singolo professionista che indica la necessità di un dispositivo protesico si avvale, per particolari tipologie di ausili ad alta tecnologia, della consulenza dei laboratori ausili per la comunicazione e per le autonomie presenti a livello di area vasta, nonché dei centri di ricerca presenti sul territorio regionale.

Le procedure attivate da parte delle Aziende sanitarie per l'acquisizione di tutti i dispositivi e gli ausili protesici, sia personalizzati che non personalizzati, sono impostate in modo da garantire adeguati standard qualitativi dei dispositivi medesimi, ed una gamma di dispositivi in grado di consentire una differenziata e libera scelta da parte degli utenti.

La Regione Toscana ha elaborato indicazioni finalizzate a facilitare l'accesso alle prestazioni di assistenza protesica da parte delle persone disabili e ha definito specifiche linee guida regionali per l'appropriatezza nella prescrizione di ausili e dispositivi protesici.

E' previsto che le persone con disabilità e le associazioni di utenti possano essere coinvolte nella verifica della qualità dei dispositivi erogati.

E' stata inoltre avviata la realizzazione, a livello di area vasta, di specifici corsi di formazione per garantire un adeguato aggiornamento dei medici prescrittori, con l'obiettivo di migliorare la qualità delle prescrizioni di protesi ed ausili.

Chi può richiedere le protesi e gli ausili:
Hanno diritto alle prestazioni protesiche, ai sensi del DM 332/1999:
  • gli invalidi civili e per servizio;
  • gli invalidi di guerra e le categorie assimilate (es. vittime civili di guerra);
  • i privi della vista, cioè coloro che sono colpiti da cecità assoluta o hanno un residuo visivo non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi con eventuale correzione;
  • i sordi, cioè coloro che sono colpiti da sordità dalla nascita o contratta prima dell'apprendimento del linguaggio;
  • i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura, e riabilitazione di un'invalidità permanente;
  • gli invalidi in attesa di accertamento che si trovano nell'impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, necessitano di un'assistenza continua;
  • coloro che presentano istanza e sono in attesa di riconoscimento, ai quali, in seguito all'accertamento sanitario effettuato dalla commissione medica dell'azienda Usl, sia stata riscontrata e verbalizzata una menomazione che comporta una riduzione della capacità lavorativa superiore a un terzo;
  • coloro che hanno subito un intervento di entero-urostomia, tracheotomia o amputazione di un arto, e che, dopo aver presentato istanza, si trovano in attesa di accertamento; le donne che abbiano subito un intervento di mastectomia ed i soggetti che abbiano subito un intervento demolitore sull'occhio, previa presentazione di certificazione medica;
  • i ricoverati in una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, con menomazione grave e permanente, per i quali il medico responsabile dell'unità operativa certifichi la contestuale necessità e urgenza dell'applicazione di una protesi, di un'ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l'attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo, a fronte di una menomazione grave e permanente. In questo caso, contestualmente alla fornitura della protesi o dell'ortesi, deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell'invalidità.

Per gli invalidi sul lavoro la disciplina è regolamentata dal DPR 1124/1965 ed è garantita dall'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL) e non dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

Cosa fare per accedere al servizio:
La persona minorenne o con invalidità riconosciuta, che necessita di una prestazione di assistenza protesica deve rivolgersi al proprio medico di famiglia richiedendo la prescrizione di una visita specialistica; in casi particolari, per bisogni assistenziali non complessi, lo stesso medico di famiglia può effettuare direttamente la prescrizione dell'ausilio.

Il medico specialista individua il dispositivo protesico necessario, che deve successivamente essere autorizzato da un ufficio protesi della Azienda USL di residenza dell'utente.

Gli uffici protesi sono di norma presenti in tutte le zone distretto – Società della Salute.

Ottenuta l'autorizzazione amministrativa alla fornitura, se trattasi di protesi da costruire su misura, l'utente sceglie il fornitore, normalmente soggetto privato, di propria fiducia per la realizzazione della stessa; se trattasi di dispositivo protesico di
serie, lo stesso viene consegnato direttamente al domicilio della persona dall'azienda USL.

Normativa di riferimento:
Ultimo aggiornamento: 09.09.2016
Condividi