Turismo Accessibile in Toscana: le buone pratiche

logo conferenza disabilità 2017

Referente: Stefano Romagnoli RT

Partecipano: Paolo Corchia - Pres. Federalberghi, Francesca Basanieri, Responsabile Settore Turismo Anci Toscana, Francesco Guardi-RT, Arch.Nadia Recca UNIFI, Marco Mariotti-Pisa, Arianna Buti-SDS Pisa. Eva Campioni- Coord.Salute Mentale, Donata Vivanti-FISH Toscana, Elena Bottari-Consorzio Riviera Toscana Marina di Carrara

Per la prima volta la legislazione regionale sul turismo rende obbligatorio per le strutture ricettive fornire informazioni sull'accessibilità delle strutture medesime. Tale obbligo si inquadra nell'impegno del legislatore regionale affinché sia assicurata alle persone con disabilità motorie, sensoriali e intellettive la fruizione dell'offerta turistica in modo completo e in autonomia, affinché ricevano il medesimo livello di qualità degli altri fruitori senza aggravi del prezzo.

Le disposizioni regolamentari, attuative dell’obbligo sancito in legge, sono pertanto finalizzate a disciplinare le informazioni sull'accessibilità delle strutture e le modalità di erogazione delle stesse (art.2 comma 3 del Testo Unico del Sistema Turistico Regionale: “Al fine di facilitare la fruizione dell'offerta turistica da parte delle persone disabili, le strutture ricettive  forniscono informazioni sull'accessibilità delle strutture medesime, con le modalità previste nel regolamento di attuazione di cui all’articolo 3.”)

Tali disposizioni sono formulate ispirandosi ai principi della progettazione universale (in particolare  il n.4. “Percettibilità delle informazioni” dell’Universal Design) e dell'UNWTO (United Nations World Tourism Organization, agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di coordinare le politiche sul turismo, e  che promuove lo sviluppo del turismo accessibile, responsabile e sostenibile; in particolare la raccomandazione “UNWTO Recommendation on Accessible Information in Tourism - February 2016”), in modo da mettere tutte le persone in condizione di conoscere le caratteristiche e i servizi offerti.

Questa sessione sarà anche l’occasione per presentare il progetto ITACA, che  intende valorizzare un’idea di turismo innovativo e sostenibile promuovendo l’accessibilità per tutti i cittadini come valore qualificante di competitività e inclusività per le imprese e i territori, attraverso la messa a punto di iniziative di sviluppo di prodotti eco-turistici, come strumento d’identificazione assegnato agli operatori del settore turistico alberghiero, artigianato e agro-alimentare impegnati in un percorso di qualità e sostenibilità. Il progetto inoltre mira a realizzare una campagna di comunicazione istituzionale mirata per la diffusione e la condivisioni di informazioni sull’accessibilità di territori e servizi, in particolare per le persone diversamente abili. ITACA è promosso da un partenariato pubblico e privato e le soluzioni proposte dal progetto risultano innovative in termini di promozione di un modello economico sociale inclusivo, risposta concreta a un problema comune di accessibilità turistica ai territori dell’area, superamento delle barriere fisiche e culturali a beneficio di tutti.

Ultimo aggiornamento: 12.10.2017
Condividi