Adattamento Domestico per il sostegno alla domiciliarità

Con Delibera della Giunta Regionale n. 1446 del 17 dicembre 2018 è stato messo a regime il progetto di "Adattamento Domestico per il sostegno alla domiciliarità (progetto ADA) finalizzato al miglioramento delle condizioni di vita delle persone con disabilità grave nella propria abitazione.

La Giunta Regionale ha infatti valutato positivamente i risultati raggiunti con la sperimentazione del progetto ADA, anche e soprattutto in termini di valore aggiunto per il sistema sociosanitario regionale. Il modello prevede la presenza di esperti di accessibilità nelle UVMD delle Zone distretto/Società della Salute, che, in modo integrato, realizzano sopralluoghi presso il domicilio delle persone con disabilità con la finalità di redigere una consulenza che sarà poi consegnata alla famiglia. La consulenza è la parte più importante e innovativa del servizio: si tratta infatti di un documento che nasce da una valutazione degli aspetti ambientali del domicilio, aspetti sanitari e valutazione sociale e produce l'insieme delle soluzioni progettuali volte a migliorare l’autonomia della persona nella sua abitazione e a facilitare l’eventuale attività di chi presta assistenza. Si conferma quindi il valore della massima integrazione tra personale sociosanitario ed esperti di accessibilità i quali, insieme, realizzano i sopralluoghi e la valutazione congiunta.

La grande novità è che con la deliberazione 1446/2018, questo tipo di intervento entra a far parte, in modo stabile, degli interventi che la UVMD può prevedere all’interno del progetto di vita della persona con disabilità al fine di sostenere la permanenza a domicilio ed evitare l’istituzionalizzazione, nell’ottica del miglioramento della qualità della vita.

E’ compito delle Società della Salute e Zone Distretto e in particolare delle UVMD, attivare il servizio chiedendo direttamente al Centro Regionale Accessibilità la messa a disposizione dell’esperto.

Le soluzioni proposte nella consulenza riguarderanno tre aree d’intervento:

  • opere edilizie
  • arredi e attrezzature
  • tecnologie assistive e tecnologie per l’accessibilità e l’automazione dell’ambiente

Viene confermato il ruolo centrale del Centro Regionale per l’Accessibilità (CRA) con il compito di supportare le Società della Salute e Zone distretto e coordinare le attività tecnico amministrative. Il Centro metterà a disposizione professionisti esperti di accessibilità, architetti e ingegneri che copriranno le diverse competenze nell’ambito dell’accessibilità e tecnologie assistive.

La delibera 1446/2018 prevede anche l’erogazione di un contributo economico fissato nella misura massima di € 5.000,00 indipendentemente dal numero, dalla tipologia degli interventi e dalla spesa prevista. Il contributo è finalizzato a sostenere la realizzazione degli interventi proposti nella consulenza o di una parte di essi ed è da intendersi come cofinanziamento al costo di realizzazione dei seguenti interventi:

  • opere edilizie;
  • acquisto e installazione di elementi d'arredo, attrezzature e ausili;
  • acquisto e installazione di strumentazioni, dispositivi e impianti tecnologici; installazione di sistemi domotici.

I contributi non potranno essere richiesti:

  • per interventi già finanziati o in corso di valutazione sulla base delle vigenti disposizioni regionali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche;
  • per ausili compresi nel "Nomenclatore tariffario" di cui al Decreto Ministeriale n. 332 del 27 agosto 1999 o comunque acquisibili attraverso valutazione specialistica del competente servizio del S.S.N.

 

Cosa fare per e Contatti

Per avere ulteriori informazioni sul servizio è consigliabile rivolgersi presso la Società della Salute/Zona Distretto di residenza oppure contattare il CRA: tel. 055. 8787226-279 - cra@regione.toscana.it

 

Normativa di riferimento

Delibera della Giunta Regionale n. 1446 del 17 dicembre 2018 "Autonomia delle persone con disabilità: interventi di adattamento domestico per il sostegno della domiciliarità. Assegnazione risorse all'Azienda USL Toscana Centro per messa a disposizione di personale esperto di accessibilità"

Ultimo aggiornamento: 28.11.2019
Condividi