Trasporto pubblico su gomma

Obblighi verso le persone a mobilità ridotta - servizi tpl con bus.

La Regione ha previsto nel contratto di concessione che sarà stipulato con l'aggiudicatario della gara per l'affidamento dei servizi di trasporto pubblico effettuati mediante bus per l'intero territorio regionale, una serie di azioni volte a migliorare le condizioni di accessibilità al trasporto dei soggetti con disabilità o PMR (persone mobilità ridotta). Si tratta di interventi previsti nel contratto, che vedranno la loro attuazione solo a seguito dell'avvenuta stipula del contratto, in fase di esecuzione dello stesso.

In particolare, per le relazioni FI-SI, AR-SI, FI-GR, FI-LU e GR-SI, sarà disponibile nelle autostazioni di partenza e arrivo un servizio gratuito di assistenza secondo quanto previsto dal Reg. UE 181/2011 (all.I).

Le informazioni sulle condizioni di accesso saranno messe a disposizione del pubblico presso le suddette autostazioni, sul sito Internet aziendale, nonché fornite in formati adeguati per tutti i fruitori del servizio, anche attraverso un numero verde dedicato, gratuito e accessibile sia per fonia fissa che mobile; saranno attivati, da parte del gestore, interventi formativi sul personale conducente e non a diretto contatto con i viaggiatori, al fine di fornire immediato supporto alle persone con disabilità o PMR e in particolare riguardo al corretto utilizzo delle pedane installate sui mezzi.

Il Gestore avrà l'obbligo di assicurare che il posizionamento delle fermate e delle pensiline e il loro aspetto favorisca l'accesso per PMR e ipovedenti nonché l'utilizzo di pannellature ben individuabili e una distanza adeguata dai punti di passaggio dei veicoli.

Tutti i nuovi autobus saranno attrezzati con posti dedicati a disabili e PMR e in particolare i bus urbani e suburbani saranno dotati anche di pedane per facilitare l'accesso.

Il futuro gestore dei servizi dovrà inoltre prevedere, in collaborazione con le associazioni degli utenti ipovedenti, che i contenuti delle informazioni sul servizio (orari alle fermate, modifiche sul servizio, ecc. ) presso le unità informative siano redatti e collocati in modo da consentire adeguata conoscenza anche a tali utenti con particolare riguardo al colore di fondo degli orari, alla grandezza dei caratteri, alla posizione degli avvisi, al posizionamento del display esterno sui mezzi in modo da permettere il riconoscimento della linea, al posizionamento del numero di vettura in modo chiaro, ecc.

Cosa fare per...
La previsione contrattuale, pienamente allineata con le più avanzate norme europee, è esaustiva per le modalità di fruizione e non richiede ulteriori incombenze all'utenza.

Riferimenti normativi:
Ultimo aggiornamento: 08.02.2016
Condividi